Come combattere la ritenzione idrica dovuta alla ridotta attività fisica

Come combattere la ritenzione idrica dovuta alla ridotta attività fisica

Come combattere la ritenzione idrica dovuta alla ridotta attività fisica

 

 

La ritenzione idrica è la tendenza dei liquidi dell’organismo ad accumularsi nello spazio interstiziale (o extracellulare) di determinate aree del corpo e cioè addome, gambe e glutei. Si manifesta tipicamente con gonfiore nelle suddette zone, stanchezza generale e spesso cellulite.

Talvolta la ritenzione idrica è dovuta al cattivo funzionamento del sistema venoso, in altri casi la causa è ormonale, oppure uno scorretto stile di vita con un’alimentazione poco equilibrata. Altre cause della ritenzione idrica sono legate alle patologie renali, del fegato, del sistema cardiovascolare, ipotiroidismo, anche all’assunzione di alcuni farmaci.

Come combattere la ritenzione idrica con metodi naturali? In questo articolo analizzeremo i fattori aggravanti, cioè la situazione di uno stile di vita inadeguato, con alcuni consigli per eliminare la ritenzione idrica intervenendo con piccole accortezze quotidiane e suggerendo prodotti naturali. In periodi di ridotta attività fisica, la predisposizione alla ritenzione idrica può peggiorare, a causa della mancanza di movimento che contribuisce a rallentare diverse attività dell’organismo, tra cui anche quelle metaboliche; andremo, di seguito, ad approfondire alcuni metodi per ridurre questo rischio legato all’eccessiva sedentarietà.

 

Rimedi contro ritenzione idrica e cellulite: ridurre il sale

 

Il sale è la più importante fonte alimentare di sodio, nonché grande alleato della ritenzione idrica, se assunto in quantità eccessive. Tenere abitualmente un’alimentazione scorretta, con un consumo eccessivo di alimenti ricchi di sale, non fa che favorire la ritenzione idrica.

L’eccesso di sale (o meglio, di sodio) interviene con diversi meccanismi, tra cui il ristagno e l'accumulo dei liquidi interstiziali, che possono portare alla formazione di edemi.

Per questo si consiglia di utilizzare con moderazione il sale per condire gli alimenti, a favore di sostituti come il gomasio (sesamo tostato con sale marino). Un altro consiglio è evitare il consumo di affettati, patatine e altri snack simili.

Come combattere la ritenzione idrica e la cellulite? Per sostituire merende salate compromettenti per la salute si consiglia di provare gli snack salati del nostro catalogo, gustosi e salutari.

 

 

 

Rimedi per ritenzione idrica, prediligere alimenti ricchi di potassio

 

Esistono sostanze che favoriscono la ritenzione idrica come il sodio e altre che agiscono in modo contrario. È il caso degli alimenti ricchi di potassio capace di intervenire nella regolazione dei liquidi contenuti nel corpo, favorendo lo smaltimento dei liquidi in eccesso. Per questo è consigliabile consumare frutta e verdura ricche di potassio come banane, kiwi e avocado; tra la frutta secca si consigliano le noci, le mandorle e i pinoli, ottimi per tamponare gli attacchi di fame improvvisa.

Come combattere la ritenzione idrica in modo più efficace? Si consiglia di integrare l’assunzione di potassio con Mech Balance Magnesio e Potassio.

 

 

 

Cosa bere per ritenzione idrica

 

Come combattere la ritenzione idrica con metodi naturali? La migliore soluzione per contrastare la ritenzione idrica è bere almeno 1 litro e mezzo d’acqua al giorno; questo deve essere fatto in ogni stagione e, nei periodi più caldi, la quantità dovrebbe essere aumentata per bilanciare la perdita di liquidi dovuta alla maggiore sudorazione: l’acqua è fondamentale per il trasporto di diverse sostanze nell’organismo. Per aiutare il proprio corpo nell’azione di drenaggio, è possibile intervenire con l’assunzione di bevande appropriate, come Erbo Ritual Diur o prodotti naturali per il drenaggio di liquidi.  

 

 

Come combattere ritenzione idrica alle gambe e nelle altre zone critiche: prendersi cura del sistema venoso

 

Dato che l’eccesso di permeabilità dei vasi sanguigni è causa o fattore contributivo del gonfiore per ritenzione idrica, è consigliabile prendersi cura del sistema venoso.

Il gonfiore è relazionato alla diminuzione del ritorno venoso ed è un’alterazione del tessuto sottocutaneo: se questo tessuto è già abbondante il gonfiore può peggiorare più facilmente. Come combattere la ritenzione idrica alle gambe?

Per prevenire o contrastare l’insorgere di questa problematica è consigliabile utilizzare prodotti naturali per migliorare la circolazione.

In combinazione si suggerisce di praticare un minimo di attività fisica per contribuire a perdere peso e massa grassa.

L'attività fisica più consigliata è quella aerobica a lungo termine quindi la cyclette o il tapis roulant sono l’ideale da utilizzare in casa, simulando lo sforzo di passeggiate a piedi e in bicicletta.

In tutti i tipi di attività aerobica è importante mantenere una bassa intensità e questo può essere verificato durante l'esercizio: se non ci si trova in affanno, significa che l'intensità (velocità) è adeguata al livello di allenamento. Con l'esercizio aerobico si ottiene il vantaggio di consumare energia che proviene dal grasso accumulato; per prendersi cura del sistema venoso, dopo ogni attività è importante fare stretching ed esercizi di respirazione con le gambe sollevate per favorire il ritorno venoso.

Inoltre, è importante mantenere una postura corretta per ogni attività svolta durante il giorno: incrociare le gambe o sedersi in posizioni errate comporta il rischio, con il passare del tempo, di creare problemi al sistema circolatorio degli arti inferiori, con conseguente ritenzione di liquidi.

 

Quando la ritenzione idrica è dovuta ad uno stile di vita scorretto e a cattive abitudini nell’alimentazione, è possibile intervenire con impegno quotidiano e grazie all'aiuto di prodotti naturali. Esplorate il nostro catalogo per individuare quelli più adatti!


CONDIVIDI: