I consigli per ottenere un'abbronzatura perfetta | Gianluca Mech SPA
Choose the line

Inserire il testo per scegliere la linea

CENTRI INTISANOREICA &
CENTRI ESTETICITI
ERBORISTERIE, FARMACIE
& PARAFARMACIE
  Home
MENU

L’estate si avvicina e, ne sono sicuro, stai già iniziando a pensare alle tue tanto desiderate vacanze.

Che tu riesca a goderti solo qualche giorno di relax oppure un soggiorno più lungo lontano da casa, non dimenticare di proteggere la tua pelle dal sole.

Non solo al mare, ma anche in montagna, dove i raggi solari sono più intensi e possono causare gli stessi danni dell’esposizione in spiaggia.

Il sole è un ottimo amico del nostro organismo per molti motivi, aumenta i livelli di serotonina, agendo come antidepressivo, allevia lo stress e aiuta la produzione di vitamina D, utile per ossa, denti ed epidermide.

Esistono anche degli svantaggi, però, dovuti ad un’esposizione senza precauzioni, come il rischio di melanomi cutanei e l'invecchiamento precoce della pelle.

Per ottenere un’abbronzatura perfetta e soprattutto sana, che non danneggi la tua pelle, lasciati baciare dal sole seguendo i miei 9 consigli.​ 

1. Applica la crema solare adatta al tuo fototipo di pelle

Le creme solari riportano sulla confezione il valore SPF, che calcola la capacità protettiva del prodotto dai raggi UVB.

In realtà, anche i raggi UVA possono essere dannosi per la tua pelle; nel 2006 la Commissione Europea ha pubblicato la “Raccomandazione sull’efficacia dei prodotti per la protezione solare e sulle relative indicazioni”.

Nel testo sono elencate una serie di indicazioni da inserire sulle etichette dei prodotti cosmetici solari per semplificare, chiarire e uniformare le scelte dei consumatori.

Tra le varie informazioni, come l’efficienza, le precauzioni d’impiego e l’indicazione del fattore di protezione, deve essere indicata anche l’efficacia di protezione contro i raggi UVA.

Ricorda di scegliere la crema solare con il fattore di protezione adatto al tuo fototipo. Il valore del fototipo dipende dalla qualità e dalla quantità di melanina presente nella pelle.

In dermatologia si distinguono 6 tipi diversi di fototipo, in base alla carnagione, alle caratteristiche fisiche dell’individuo e la reazione della pelle all’esposizione ai raggi solari.

Ecco la lista per capire quale sia il tuo, come indicato nel Codice Europeo contro il Cancro:

  • Fototipo 1: Carnagione molto chiara e capelli rossi. Fattore di protezione 50 SPF;
  • Fototipo 2: Carnagione molto chiara e capelli biondi. Fattore di protezione 50 SPF;
  • Fototipo 3: Carnagione chiara e capelli bruni. Fattore di protezione 30 SPF;
  • Fototipo 4: Carnagione scura e capelli bruni (fototipo mediterraneo). Fattore di protezione 20 SPF;
  • Fototipo 5: Carnagione molto scura e capelli bruni (fototipo asiatico). Fattore di protezione 15 SPF;
  • Fototipo 6: Carnagione naturalmente molto scura (fototipo negroide).

Non dimenticare di applicare spesso la crema protettiva, soprattutto dopo il bagno, anche se sul flacone è indicato “resistente all’acqua”

2. Valuta il tuo tempo di esposizione al sole

La tua pelle raggiunge il punto di abbronzatura massima quando fisicamente non è più in grado di produrre la melanina (il pigmento abbronzante), quindi è inutile restare tutto il giorno al sole.

Ognuno ha il proprio limite di melanina, che in genere si raggiunge in un periodo dalle due alle tre ore (molto meno se si ha la pelle chiara). Superato questo limite, stai solo sottoponendo la tua pelle al rischio dei danni UV.

Il Solar Radiation Research Group dell’Università di Valencia ha effettuato uno studio per capire quale sia il tempo di esposizione adatto per godere dei vantaggi dell’esposizione al sole, come la produzione di vitamina D e minimizzare i rischi.

I risultati dello studio dimostrano che a gennaio, a mezzogiorno, occorrono più di due ore di esposizione solare per ottenere la dose giornaliera raccomandata di vitamina D, mentre per il resto dell'anno varia tra 7 minuti a luglio e 31 minuti ad ottobre.

Sono ovviamente indicazioni di massima, perché il tempo di esposizione al sole dovrebbe essere calcolato in base al tipo di carnagione, alle condizioni climatiche, all’orario della stagione e anche in base all’età.

Non esporti comunque mai al sole in un orario che va dalle 12 alle 16, perché l’irraggiamento solare è alla sua massima intensità. 

3. Sostituisci i prodotti abbronzanti con gli integratori

Niente di ciò che applicherai sulla tua pelle migliorerà la produzione di melanina, quindi non affidarti ai prodotti acceleranti dell’abbronzatura.

Un aiuto potresti ottenerlo assumendo un integratore giornaliero di beta-carotene, che aumenterà la difesa naturale della pelle contro i raggi UV migliorando la sua capacità di abbronzarsi.

Gli integratori per l’abbronzatura preparano la pelle per il sole, la idratano e proteggono le cellule dallo stress ossidativo indotto dai raggi UV.

Ricorda però che integrare non significa sostituire, vanno assunti insieme a un’alimentazione sana e corretta. 

4. Mangia cibi amici dell’abbronzatura

Il beta-carotene protegge l’organismo dai radicali liberi e prolunga l’abbronzatura.

Puoi trovarlo in alimenti come carote, peperoni, fagiolini, cetrioli, pomodori, angurie, meloni, albicocche, pesche, zucchine, broccoli e rucola.

Alcuni alimenti, poi, sono ricchi di licopene, un antiossidante che può migliorare la protezione solare e che si trova nei pomodori, nell’anguria, nella papaya, nel pompelmo e nella pera gialla.

Altri antiossidanti sono i polifenoli, che favoriscono l’elasticità della pelle e impediscono l’ossidazione cellulare; li trovi nei frutti di bosco, nell’uva rossa e nel tè verde.

Anche il pesce, le noci e l’avocado, ricchi di omega-3, hanno poteri anti-infiammatori e prevengono gli eritemi.

Il cioccolato fondente è ricco di flavonoidi che possono aiutare a proteggere dalle scottature solari. 

5. Indossa occhiali da sole

Ricorda che gli occhi, e la pelle intorno ad essi, sono delicati e sensibili ai raggi UV, quindi scegli occhiali da sole in grado di proteggerli.

La mancata osservanza delle dovute precauzioni può causare lo sviluppo di patologie oculari come la cataratta, la degenerazione maculare senile e il cancro agli occhi.

L’UNI - Ente Nazionale Italiano Unificazioni - ha redatto la guida "Sole amico. Proteggersi con occhiali e abbigliamento anti UV a norma".

All’interno vengono mostrati i problemi derivanti da una eccessiva esposizione al sole e indicati i requisiti che gli occhiali devono possedere per essere considerati a norma:

  • la marcatura CE obbligatoria;
  • il riferimento alla norma europea UNI EN 1836 (o solo EN 1836), all’interno del libretto di istruzioni che accompagna il prodotto;
  • il nome del fabbricante o del fornitore;
  • il numero della categoria del filtro montato (da 0 a 4, con l’eventuale logo per il divieto di impiego durante la guida nei casi ove previsto);
  • le istruzioni per la cura, la manutenzione e la pulizia. 

6. Proteggi i bambini dal sole

La pelle dei bambini è molto delicata, e fino ai 12 mesi non va esposta ai raggi solari diretti.

Per loro usa sempre una crema con fattore protettivo molto alto, SPF 50, e acquista occhiali da sole a norma.

Fai in modo che quando giocano sotto al sole abbiano sempre un cappello a protezione della testa, e non lasciarli esporre mai nelle ore più calde della giornata. 

7. Controlla i tuoi nei

Prima di esporti al sole, vai dal dermatologo e controlla i tuoi nei. Non sono da verificare solo quelli che diventano in rilievo o cambiano aspetto e forma, ma è buona norma ispezionarli tutti periodicamente.

Le scottature provocate dal sole possono modificare il tuo DNA, quindi ricorda sempre di non esporti al sole in modo selvaggio, ma con criterio. 

8. Controlla le macchie cutanee

L’assunzione di medicinali come antibiotici, anti-infiammatori o antidepressivi, può causare delle macchie sulla tua pelle.

Se dovessi notare macchie cutanee, evita di esporti al sole e consulta il tuo medico per sapere come agire. 

9. Bevi molta acqua

Questo è un consiglio importantissimo per tutte le tue giornate, ma diventa fondamentale quando le trascorri al sole.

Bevi almeno 2 litri di acqua al giorno per idratare te e la tua pelle.

Se non riesci, puoi comunque bere succhi di frutta, integratori salini o spremute, possibilmente senza zuccheri aggiunti.

Spero che questi miei consigli ti siano utili e ti permettano di avere l’abbronzatura che desideri in modo sano.